Spaghetti del nonno

Spaghetti del nonno

Spaghetti del nonno

Ingredienti
Ingredienti
  • 1 00 gr salsiccia fresca

  • 60 gr salamella

  • 1 spicchio aglio

  • ½ peperoncino rosso

  • 50 gr nocciole sgusciate

  • 5 cucchiai olio di oliva

  • 1 cucchiaio pomodori capuliati

  • 500 gr spaghetti grossi

  • 6 tuorli uovo

  • parmigiano grattugiato, sale.

Soffritto
Soffritto

Soffriggere per 30 secondi l’aglio nell’olio poi aggiungere la salsiccia spezzettata

Salamella in padella
Salamella in padella

Dopo un minuto aggiungere la salamella a pezzetti e due cucchiai di acqua.

Capuliati in padella
Capuliati in padella

Dopo un minuto aggiungere i pomodori capuliati e continuare a rosolare a fiamma bassa per 3 minuti,

Nocciole tritate
;Nocciole tritate

Intanto tritare le nocciole grossolanamente,

Tuorli sbattuti
Tuorli sbattuti

sbattere i tuorli d’uovo e lessare la pasta in acqua salata.

Pasta saltata
Pasta saltata

Saltare la pasta scolata nell’intingolo aggiungendo due o tre cucchiai di acqua della pasta.

Nocciole in padella
Nocciole in padella

Aggiungere le nocciole tritate,

Tuorli in padella
Tuorli in padella

spegnere la fiamma e mescolare con i tuorli d’uovo. Aggiungere parmigiano grattugiato, mescolare e servire insieme con altro parmigiano.

Spaghetti del nonno
Spaghetti del nonno

L’articolo

Anni fa, in un resort sul mar rosso, il buffet aveva una particolarità: visto che molti ospiti erano italiani avevano la pasta su misura. Potevi scegliere un formato di pasta, sei condimenti da alcune ciotole e comporre la tua pasta che un cuoco eseguiva. Ero diventato amico del cuoco perché avevo sempre delle scelte originali da proporgli: originali come questa pasta.

Questo primo l’ho concepito come alternativa alla carbonara, dovendo utilizzare delle uova che avevo in quantità. I pomodori capuliati sono dei pomodori secchi tritati e conservati in un vasetto. Li ho conosciuti nella Sicilia meridionale e me ne sono innamorato: sono praticissimi ed utilissimi.

Io preferisco sempre usare gli spaghetti di misura grossa, per una questione di gusto. Gli spaghettini, per non parlare dei capellini, a Roma sono conosciuti come la pasta dei cornuti. Questo perché nell’immaginario popolare (maschile), soprattutto di un tempo, la casalinga si supponeva occupata in tresche amorose e quindi cronicamente ritardataria. I spaghetti sottili cuociono in pochissimo tempo, quello che ci vuole per nascondere l’amante in un armadio.

Oggi ovviamente e giustamente i paradigmi sono cambiati ma la definizione è rimasta, così come la mia preferenza per quelli di sezione grossa.

Vai alla Home page

Vai al profilo Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.