Riso con le quaglie

Riso con le quaglie
Piccioni
Piccioni
  • 2                                 quaglie pulite
  • 50        gr                     pancetta a fette
  • 4                                 salsicce
  • 4                                 foglie di alloro
  • ½                                cipolla
  • 1          spicchio           aglio
  • 50        gr                     burro
  • 180      gr                     riso carnaroli
  • 500      cc                    brodo di gallina
  • 100      cc                    vino bianco
  • Sale, pepe
Spiedini
Spiedini

Foderare il petto delle quaglie  con la pancetta fissandola con degli stuzzicadenti. Infilarli in spiedini di legno con l’alloro e le salsicce come da foto.

Burro con aglio
Burro con aglio

Sciogliere metà del burro in una pentola e soffriggervi lo spicchio di aglio schiacciato.

Spiedini a rosolare
Spiedini a rosolare

Adagiare gli spiedini e rosolare a fiamma bassa semicoperto per cinque minuti per lato.

Quaglie rosolate
Quaglie rosolate

Salare (solo le quaglie), pepare, aggiungere metà del vino e farlo evaporare.

Cottura coperto
Cottura coperto

Aggiungere un mestolo e mezzo di brodo e, quando ribolle, coprire, abbassare la fiamma al minimo e cuocere per quaranta minuti coperto.

Cipolla tritata
Cipolla tritata

Intanto tritare la cipolla.

Riso in pentola
Riso in pentola

Sciogliere il restante burro in una pentola e farvi prima soffriggere la cipolla, poi versare il riso. Tenete la fiamma media.

Risotto
Risotto

Quando il riso accenna a cambiare colore versare il restante vino e fatelo assorbire. Abbassate la fiamma e continuate la cottura (venti minuti da quando avete versato il riso) aggiungendo quasi tutto il fondo di cottura delle quaglie e poi il restante brodo.

Riso con le quaglie
Riso con le quaglie

L’articolo

Questo è un altro dei piatti che ho conosciuto tanti anni fa in casa dei genitori di quella che sarebbe diventata la mia futura moglie. A casa mia ero abituato a mangiare molto bene per via delle mia nonna bravissima in cucina.

Allora, però, molto più di adesso, la cucina era provincializzata e di abitudine si mangiavano i piatti della tradizione locale. Quindi, a casa della mia ragazza, piatti come questo avevano un sapore esotico, oltre a quello dell’amore.

Vai al profilo Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.