Pesto alla trapanese

Pesto alla trapanese
Ingredienti
Ingredienti
  • 2          spicchi             aglio (minimo)
  • 300      gr                     mandorle
  • 2          foglie               basilico
  • 1          ciuffo              prezzemolo
  • 4          cucchiai           parmigiano
  • 5          pomodori pelati (freschi o conservati)
  • 10        cucchiai           olio di oliva
  • Sale, pepe
Sbollentare le mandorle
Sbollentare le mandorle

Immergere le mandorle in acqua bollente e spegnere la fiamma.

Scolare le mandorle
Scolare le mandorle

Dopo un paio di minuti scolarle. Pelare le mandorle premendo ognuna fra pollice e indice.

Con il mixer:

Mandorle nel mixer
Mandorle nel mixer

Metterle in un mixer insieme all’aglio. Tritare il tutto a brevi impulsi per non far scaldare il contenuto.

Basilico e prezzemolo
Basilico e prezzemolo

Aggiungere il basilico ed il prezzemolo e tritare nuovamente.

Pomodori pelati
Pomodori pelati

Mettere i pomodori pelati e tritare di nuovo.

Parmigiano
Parmigiano

Aggiungere il parmigiano, il sale, il pepe e l’olio.

Mescolare
Mescolare

Mescolare a mano per evitare che l’olio emulsioni.

Con il mortaio:

Mortaio

Metterle in un mortaio insieme all’aglio e pestare bene.

Basilico e prezzemolo
Basilico e prezzemolo

Aggiungere il basilico ed il prezzemolo e pestare ancora.

Altri ingredienti
Altri ingredienti

Aggiungere il pomodoro, il parmigiano, l’olio, il sale ed il pepe e finire di pestare.

Pesto alla trapanese
Pesto alla trapanese

Dose per 400 grammi di spaghetti.

L’articolo

L’ho assaggiato la prima volta, ‘anta anni fa, in un paese del trapanese: Busseto Palizzolo. Con un nome del genere mi sarei aspettato di trovarmi tra piacenza e Casalpusterlengo, invece ero in Sicilia. Solo dopo capii che quel toponimo aveva radici storiche ben fondate. Probabilmente i Longobardi, chiamati dai Normanni per irrobustire il loro potere su quell’isola appena strappata agli arabi, lo avevano portato con se.

La cosa più difficile era avere abbastanza condimento nella pasta e ricordo che, ogni volta, bisognava lottare col cameriere per farsene portare altro. La mia personale interpretazione risolve il problema

Vai al profilo Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.