Maccheroni con la ‘nduja

Maccheroni con la ‘nduja
'nduja
‘nduja
  • 250      gr                     maccheroni calabresi
  • 50        gr                     ‘nduja
  • 1          spicchio           aglio
  • 100      gr                     pelati
  • 2          cucchiai           olio di oliva
  • Ricotta salata, basilico
Aglio in padella
Aglio in padella

Soffriggere l’aglio schiacciato nell’olio per un minuto.

'nduja in padella
‘nduja in padella

Aggiungere la ‘nduja e soffriggere per altri due minuti.

Pomodoro in padella
Pomodoro in padella

Aggiungere il pomodoro e soffriggere per 1 minuto.

Coprire
Coprire

Aggiungere acqua se necessario. Coprire, abbassare la fiamma e cuocere per 5 minuti.

Basilico in padella
Basilico in padella

Togliere l’aglio. Aggiungere il basilico e saltare la pasta ben scolata. Condire con ricotta salata grattugiata e servire.

Maccheroni con la 'nduja
Maccheroni con la ‘nduja

L’articolo

Nel nostro excursus attraverso la cucina internazionale e regionale italiana siamo arrivati alla Calabria. La ‘nduja, salume tipico di Spilinga, vicino Tropea, è oggi molto diversa da quella che si consumava anni fa.

Quando l’ho conosciuta a Roma, da miei amici calabresi, la cui mamma la preparava, era un impasto di grasso di maiale e conserva di peperoncino piccante insaccato nella vescica del maiale. Era veramente molto, molto, molto piccante.

Oggi le esigenze di commercializzazione in un mercato molto più vasto hanno portato a ridurre la piccantezza e ad utilizzare budelli sintetici o comunque di altre parti del maiale. A casa dei miei amici si trovava peperoncino ovunque: tritato, macinato, in conserva, intero sott’olio. Era stipato in ogni dove, persino sotto al letto matrimoniale, che del resto era una vera e propria dispensa.

Un antipasto squisito che preparavano consisteva in pane secco di un anno rotto col martello in bocconi, bagnato, ma rimaneva comunque secco, e condito con un vasetto di peperoncini sott’olio. Piccantissimo ma squisito: bei tempi, forse perché ero giovane?

Vai al profilo Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.