Tajine di agnello con le olive

Tajine di agnello con le olive
Pentola tajine
Pentola tajine
  • 1,25     kg                    spalla agnello
  • 1          piccola             cipolla, carota, costa di sedano
  • 1          lt                      acqua
  • 250      gr                     cipolle
  • 250      gr                     carote
  • 150      gr                     olive verdi
  • 1          spicchio           aglio
  • 1          ciuffo              coriandolo fresco
  • 3          cucchiai           olio di oliva
  • 1          limone             in salamoia
  • Peperoncino, paprica, curcuma, cannella, zenzero, cumino, sale, dado
Ingredienti brodo
Ingredienti brodo

Preparare il brodo con cipolla, carota, sedano, ossa e pelle dell’agnello, dado vegetale.

Pentola a pressione
Pentola a pressione

Cuocere per un’ora in pentola a pressione.

Verdure a pezzi
Verdure a pezzi

Tagliare a pezzi le verdure.

Agnello a pezzi
Agnello a pezzi

Tagliare in pezzi l’agnello.

Agnello a rosolare
Agnello a rosolare

Far rosolare l’agnello con l’olio nel piatto del tajine.

Agnello girato
Agnello girato

Dopo 5 minuti girare l’agnello pezzo a pezzo ed aggiungere l’aglio ed il coriandolo.

Agnello mescolato
Agnello mescolato

Dopo cinque minuti, mescolare e rosolare per altri 5 minuti.

Spezie sull'agnello
Spezie sull’agnello

Aggiungere il sale e le spezie. Mescolare. Aggiungere il brodo ed appena riprende il bollore abbassare la fiamma, coprire e cuocere per mezz’ora.

Verdure nella pentola
Verdure nella pentola

Aggiungere le verdure. le olive ed il limone in salamoia tagliato a spicchi.

Cottura coperta
Cottura coperta

Cuocere coperto per altri 45 minuti.

Tajine di agnello cn le olive
Tajine di agnello con le olive

L’articolo

Questo genere di piatti prende il nome dalla caratteristica pentola con il coperchio a forma di cono, con un forellino in alto. Grazie alla sua particolare forma essa garantisce una cottura particolare, in cui i sapori degli ingredienti e delle spezie si fondono in un tutto armonioso. Il piatto di cottura serve anche come vassoio. Se lo acquistate, attenzione che sia realizzato in materiale refrattario, altrimenti è solo decorativo.

Ne esistono varie ricette con diverse carni ed anche di sole verdure. Una volta, in Marocco, nel deserto, abbiamo cenato ospiti di poverissimi nomadi, piazzati con delle baracche di foglie di palma in una striminzita oasi. C’erano solo due donne ed alcuni bambini che giocavano tra capre e galline: gli uomini erano fuori col gregge.

Chiaramente si trattava di un’iniziativa turistica: la nostra guida ci aveva lasciati li e noi avevamo pagato per quell’ospitalità. Quando le donne ci servirono la cena eravamo seduti sulla sabbia. Scoperchiato il Tajine, vedemmo nel piatto navigare solo qualche carota e qualche cipolla. I bambini si erano raccolti intorno a noi affamati e con gli occhi spalancati e noi demmo loro tutto il contenuto del vassoio.

Quella notte dormimmo a stomaco vuoto, sdraiati fra le galline, divisi fra la sensazione di essere stati turlupinati ed il piacere di pensare quei bimbi a pancia piena. Però eravamo distesi sotto il più bel cielo stelato che si possa immaginare.

Vai al profilo Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.