Supplì

Supplì
Risotto a raffreddare
Risotto romano
  • 2          dosi                risotto alla romana (vedi ricetta)
  • 1                                 noce moscata grattugiata
  • 250      gr                     fior di latte
  • Pane grattugiato
Risotto a raffreddare
Risotto a raffreddare

Stendere il risotto appena fatto su di un piano di marmo e stenderlo in modo che si raffreddi rapidamente e non scuocia.

Risotto nella terrina
Risotto nella terrina

Quando si è raffreddato raccogliere il risotto con una spatola in una terrina, grattugiare sopra la noce moscata e mescolare bene. Tagliare a listelli la mozzarella.

Preparazione
Preparazione

Raccogliere in una mano una abbondante cucchiaiata di risotto, porre al centro un listello di mozzarella, richiudere e modellare a forma di cilindro arrotondato alle estremità (ellissoide).

Preparazione segue
Preparazione segue

Procedere con l’operazione

Supplì preparati
Supplì preparati

disponendo i supplì sul piano di marmo.

Impanatura
Impanatura

Passare i supplì nel pane grattugiato e definire la forma.

Pronti per friggere
Pronti per friggere

Raccoglierli su dei vassoi. Immergere i supplì in una friggitrice o in una pentola piena di olio a 190° finché non diventano bruni.

Supplì
Supplì

L’articolo

Non chiamateli supplì di riso. Neanche supplì al telefono e nemmeno crocchette di riso. Non arancini, che sono tutta un’altra cosa, ma semplicemente supplì: il piatto più romano tra i piatti romani. Non è vero che se ne sono appropriati tutti, persino l’industria dei surgelati, e che si mangiano in ogni dove in Italia.

I veri supplì li mangi solo a Roma, e oggi nemmeno più dappertutto. Il resto è buono per il cestino della spazzatura. Io, che da molto non vivo più nella Città Eterna, per golosità ogni tanto ne prendo uno in altre parti del Bel Paese, per poi gettarlo disgustato dopo il primo morso.

Perché il supplì va fatto col ragù romano, non col sugo al pomodoro oppure con un semplice sugo di macinato, spesso poco cotto. E devono obbligatoriamente esserci i pezzetti di fegatini di pollo, le rigaglie (da noi regaje) a certificazione della qualità. Assaggiate uno solo di quelli veri e capirete.

Vai al profilo Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.