Coda di rospo al forno

Coda di rospo al forno

CODA DI ROSPO AL FORNO

Coda di rospo
Coda di rospo
  • 1          kg                    rana pescatrice
  • 200      gr                     pomodori
  • 300      gr                     gamberi
  • 30        gr                     parmigiano
  • 2          cucchiai           vino bianco
  • 2          cucchiai           olio di oliva
  • 1          spicchio           aglio
  • Sale, pepe, origano
Gamberi
Gamberi

Rosolare i gamberi in una padella con un cucchiaio d’olio.

Coda con gamberi
Coda con gamberi

Ricoprire una teglia con un foglio di carta da forno. Adagiarvi la coda di rospo. Sgusciare i gamberi e metterli sulla coda di rospo.

Gusci in padella
Gusci in padella

Rimettere in padella teste e gusci dei gamberi insieme con l’origano ed il vino. Cuocere coperto  per cinque minuti.

Pomodori
Pomodori

Intanto affettare i pomodori

Coda con pomodori
Coda con pomodori

e disporli sulla coda di rospo.

Coda con scaglie
Coda con scaglie

Tagliare il parmigiano a scaglie e mettere anche queste sul pesce.

Gusci schiacciati
Gusci schiacciati

Schiacciare i gusci in un colino

Succo gusci
Succo gusci

e far cadere il succo su di un piatto.

Coda con succo
Coda con succo

Versare il succo di gamberi sul pesce insieme al rimanente olio, al sale ed al pepe. Infornare a 180° per 35 minuti.

Coda di rospo al forno
Coda di rospo al forno

L’articolo

La Coda di rospo è la Rana pescatrice (Lophius piscatorius) privata della testa. È un pesce con singolari abitudini: si posa sui fondi sabbiosi ricoprendosi di sabbia ed attirando le sue prede con la punta della spina dorsale, a mo’ di esca. Quando il pesce si avvicina lo ingoia.

Ha nomi regionali particolarmente variati ma se chiedete Coda di rospo vi capiranno tutti. Tolta la testa, da voi o dal pescivendolo, il tronco risulta quasi privo di spine, a parte la colonna vertebrale. La carne è soda e di sapore delicato.

In questa ricetta per guarnirla potete utilizzare anche dei gamberi surgelati. Gli accostamenti possono sembrare arditi ma il risultato è particolarmente appetitoso. Si può utilizzare in un pasto importante.

Vai al profilo Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.