Parfait di mandorle

Parfait di mandorle

PARFAIT DI MADORLE

È sicuramente il mio dolce preferito in assoluto. Rispetto alla foto la presentazione, importantissima come in tutti i piatti ma soprattutto nei dolci, contempla un cioccolato più fuso, che avvolge e ricopre il semifreddo. Chiedo venia: era la prima volta che lo preparavo.

Solamente in Sicilia poteva aver origine una simile prelibatezza: infatti il piatto nasce negli anni ‘sessanta in un ristorante di Monreale, alle porte di Palermo. Io l’ho conosciuto all’inizio degli anni ‘ottanta a San Vito lo Capo. Da allora sogno di andare in Sicilia per poter gustare quel piatto, oltre a tutte le altre cose stupende dolci e salate che si mangiano lì.

Sono arrivato ad imparare a cucinarlo, nonostante i dolci non siano la mia specialità. La preparazione è relativamente semplice, sicuramente molto di più della pastiera o delle sfogliatelle ricce, per citare altri due dolci stupendi.

Ricordo i miei viaggi in Sicilia di allora: viaggiavamo di notte partendo da Roma. Mia moglie guidava l’auto fino all’area di servizio La macchia, sull’autostrada. Poi la lasciava a me e si metteva a dormire. I bambini, quando c’erano, già dormivano sul sedile posteriore.  Io guidavo tutta la notte, sulla Salerno – Reggio Calabria dissestata: era stupendo e quando ci ripenso provo una enorme nostalgia. Verso Scilla mia moglie si svegliava. A Villa San Giovanni prendevamo il traghetto per Messina e, a bordo, il primo arancino che allora era stupendo

Vai alla ricetta

Vai al profilo Facebook


Parfait di mandorle

Parfait di mandorle

PARFAIT DI MANDORLE

Mandorle tritate
Mandorle tritate

500 gr panna da montare

250 gr mandorle pralinate

2 uova

100 gr zucchero a velo vanigliato

100 gr cioccolato fondente

4 gocce essenza di mandorle

Tenere la panna da montare e le uova in frigorifero per almeno 2 ore. Preparare le mandorle pralinate (vedi ricetta). Usare le fruste per montare gli ingredienti.

Mandorle tritate
Mandorle tritate

Tritare nel mixer le mandorle pralinate. Conservare in una ciotola 4 o cinque cucchiai dei pezzi più grossi.

Montare la panna
Montare la panna

Montare la panna con 20 grammi di zucchero e mettere in frigorifero

Uova montate
Uova montate

Montare i tuorli d’uovo con 30 grammi di zucchero e mettere in frigorifero.

Albumi montati
Albumi montati

Montare gli albumi delle 2 uova a neve con 50 grammi di zucchero.

"<yoastmark

Aggiungere la panna montata ed i tuorli sbattuti agli albumi ed amalgamare con una spatola.

"<yoastmark

Aggiungere al composto le mandorle tritate, meno quelle tenute da parte ed amalgamare.

Stampi riempiti
Stampi riempiti

Riempire con il composto uno o più stampi abbastanza alti. Livellare con la spatola, coprire con plastica da cucina e mettere in freezer per almeno tre ore.

Cioccolato sciolto
Cioccolato sciolto

Sciogliere il cioccolato a bagnomaria finché non diventa liquido, aggiungendo un cucchiaio o due di acqua. Rovesciare  gli stampi su di un vassoio, guarnire con i pezzetti di mandorla e lo squaglio di cioccolato ancora caldo e servire subito.

Parfait di mandorle
Parfait di mandorle

L’articolo

È sicuramente il mio dolce preferito in assoluto. Rispetto alla foto la presentazione, importantissima come in tutti i piatti ma soprattutto nei dolci, contempla un cioccolato più fuso, che avvolge e ricopre il semifreddo. Chiedo venia: era la prima volta che lo preparavo.

Solamente in Sicilia poteva aver origine una simile prelibatezza: infatti il piatto nasce negli anni ‘sessanta in un ristorante di Monreale, alle porte di Palermo. Io l’ho conosciuto all’inizio degli anni ‘ottanta a San Vito lo Capo. Da allora sogno di andare in Sicilia per poter gustare quel piatto, oltre a tutte le altre cose stupende dolci e salate che si mangiano lì.

Sono arrivato ad imparare a cucinarlo, nonostante i dolci non siano la mia specialità. La preparazione è relativamente semplice, sicuramente molto di più della pastiera o delle sfogliatelle ricce, per citare altri due dolci stupendi.

Vai alla Home page

Vai al profilo Facebook



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.