Cardoncelli al forno

Cardoncelli al forno

Cardoncelli
Cardoncelli

  • 300 gr funghi cardoncelli
  • 1 limone
  • 3 cucchiai olio di oliva
  • 1 cucchiaio pane grattugiato
  • 1 spicchio aglio
  • Prezzemolo, sale, pepe
Cardoncelli a bagno
Cardoncelli a bagno

Tagliare i gambi dei cardoncelli, se grossi dividerli in due ed immergerli in acqua acidulata col succo di mezzo limone.

Cardoncelli a marinare
Cardoncelli a marinare

Asciugare i funghi e metterli a marinare per due ore con 2 cucchiai di olio sale, pepe, metà dell’aglio tritata ed il succo del restante limone.

Cardoncelli in teglia
Cardoncelli in teglia

Disporre i funghi su di una griglia con piedini poggiata su di una teglia e porre in fondo caldissimo ma spento per 15 minuti (così perdono l’acqua).

Farcitura
Farcitura

 

Preparare in un piatto il pane grattugiato con il prezzemolo ed il restante aglio tritato.

Cardoncelli farciti
Cardoncelli farciti

Disporre i funghi in una teglia unta con il restante olio.

Cardoncelli in teglia
Cardoncelli in teglia

Condire con l’intingolo del piatto e la marinata. Infornare a 180° per 30 minuti.

Cardoncelli al forno
Cardoncelli al forno

L’articolo

Il cardoncello, Pleurotus engii, è un fungo originario del bacino del mediterraneo che si raccoglie e oggi si trova anche coltivato. Particolarmente conosciuto ed apprezzato nel sud est della penisola, è molto utilizzato nella cucina pugliese.

Confesso che ho imparato a conoscerlo per una citazione in un romanzo di Carofiglio. L’avvocato  Guerrieri ne parla con una sua commensale, che alla fine del romanzo diventerà anche altro, ed entrambi lodano questa prelibatezza, considerandola superiore a qualsiasi altro fungo.

Avendo al mercato comunale un banco di pugliesi dove mi servo, mi è capitato, in stagione di funghi, di trovarlo ed ho imparato ad apprezzarlo. Forse non lo considero superiore a qualsiasi altro fungo ma sicuramente cucinato al forno, è tra i migliori. qualche giorno fa ho visto in vendita nel reparto frutta di un supermercato delle ballette pronte per coltivare i cardoncelli: si sta proprio diffondendo.

Vai alla home page

Vai al profilo Facebook

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.