Arista alla birra

Arista alla birra

ARISTA ALLA BIRRA

È un piatto concepito per l’estate con ingredienti, come i cipollotti freschi, estivi. Chiaramente da servire per cena con un clima non troppo caldo. La panna acida potete procurarvela in qualche negozio di alimentari rumeni, i quali  stanno fiorendo un po’ dappertutto.

Bisogna ridurre la parte liquida del fondo di cottura, perché la birra deve essere aggiunta in quel quantitativo, per ottenere la giusta dose di amaro del luppolo e di sapore di lievito. Va ridotta alla fine e non aggiungendo birra già ridotta perché, a seconda dell’intensità della fiamma e di quanto liquido rilasciano la carne ed i cipollotti, si potrebbe averte un risultato troppo liquido o troppo asciutto.

Si deve adottare l’indicazione di ridurre la parte liquida del fondo di tre quarti cum grano salis: bisogna regolarsi ad occhio per ottenere il risultato desiderato. È comunque un piatto che non consiglio a chi è alle prime armi in cucina.

Il piatto si ispira ad una cucina nord europea, visti una serie di ingredienti come la birra, la panna acida, la paprika, il burro. L’impiego dei capperi grossi bilancia in parte queste caratteristiche, rendendolo un piatto semplicemente europeo.

Si potrebbero usare anche dei capperi piccoli, i soliti, ma quelli grandi, privati del picciolo con cui comunemente si vendono, risultano più visibili e contribuiscono alla riuscita estetica del piatto.

Vai alla ricetta

Vai al profilo Facebook


Arista alla birra

Arista alla birra

ARISTA ALLA BIRRA

Arista di maiale
Arista di maiale
  • 1kg arista di maiale

  • 80 gr prosciutto crudo

  • 50 gr burro

  • 400 gr cipollotto fresco

  • 1 cucchiaio paprika dolce

  • 1 cucchiaino paprika forte

  • 400 cc birra chiara

  • 100 cc panna acida

  • 100 gr capperi grossi sotto aceto

  • Farina, dado

Prosciutto a pezzetti
Prosciutto a pezzetti

Tagliare a pezzetti il prosciutto.

Cipollotti a pezzetti
Cipollotti a pezzetti

Tagliare a pezzetti i cipollotti.

Arista legata
Arista legata

Legare l’arista con lo spago da cucina.

Arista infarinata
Arista infarinata

Infarinare l’arista su tutti i lati.

Burro in pentola
Burro in pentola

Sciogliere il burro con poca acqua in una pentola.

Arista a rosolare
Arista a rosolare

Rosolare a fiamma media l’arista 5 minuti per ognuno dei sei lati.

Cipollotti e prosciutto in pentola
Cipollotti e prosciutto in pentola

Dopo tre volte che la girate aggiungete i cipollotti ed il prosciutto.

Birra in pentola
Birra in pentola

Dopo averla rosolata su tutti i lati aggiungete la birra e cuocete per un’ora a fiamma bassa scoperto girando l’arista ogni tanto.

Fondo cottura filtrato
Fondo cottura filtrato

Trascorsa l’ora spegnete, mettete l’arista su di un tagliere e filtrate il fondo di cottura utilizzando un colino.

Liquido ridotto
Liquido ridotto

A fiamma viva scoperto fate ridurre il liquido di tre quarti.

Panna acida
Panna acida

Aggiungete la panna acida.

Capperi
Capperi

Aggiungete anche i capperi.

Composto su fondo di cottura
Composto su fondo di cottura

Versate il composto sulla parte solida del fondo di cottura ed insaporite a fiamma bassa coperto per 5 minuti.

Arista senza filo
Arista senza filo

Intanto togliete lo spago alla carne

Carne affettata
Carne affettata

e affettatela. Disponete la carne su di un piatto di portata e versatevi sopra il fondo di cottura.

Arista alla birra
Arista alla birra

L’articolo

È un piatto concepito per l’estate con ingredienti, come i cipollotti freschi, estivi. Chiaramente da servire per cena con un clima non troppo caldo. La panna acida potete procurarvela in qualche negozio di alimentari rumeni, i quali  stanno fiorendo un po’ dappertutto.

La parte liquida del fondo di cottura va ridotta, perché la birra deve essere aggiunta in quel quantitativo, per ottenere la giusta dose di amaro del luppolo e di sapore di lievito. Va ridotta alla fine e non aggiungendo birra già ridotta perché, a seconda dell’intensità della fiamma e di quanto liquido rilasciano la carne ed i cipollotti, si potrebbe averte un risultato troppo liquido o troppo asciutto.

Infatti l’indicazione di ridurre la parte liquida del fondo di tre quarti va adottata cum grano salis: bisogna regolarsi ad occhio per ottenere il risultato desiderato. È comunque un piatto che non consiglio a chi è alle prime armi in cucina.

Vai alla Home page

Vai al profilo Facebook



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.